Tales of Arise è il nuovo gioco della serie Tales of di Bandai Namco. Questo RPG, rilasciato lo scorso 10 settembre, ha già attirato diversi giocatori, esperti e non del franchise. E sebbene si tratti di un gioco lineare, a volte viene da chiedersi cosa sarebbe meglio fare per migliorare la propria esperienza.

Liberare il popolo di Dahnan, infatti, non è un compito da poco, e il successo dipende da quanto si sa navigare nel mondo e combattere contro i nemici. Che tu sia nuovo od un veterano della serie, abbiamo scelto di mettere assieme una guida di Tales of Arise con alcuni suggerimenti e consigli utili per iniziare o proseguire la propria avventura col piede giusto.

Tales of Arise guida – Consigli e suggerimenti

Tales_Of_Arise_Screenshot_05

Esplora tutta la mappa e cerca oggetti

Ogni luogo di Tales of Arise ha i suoi segreti: che siano casse del tesoro con oggetti utili ed equipaggiamenti o un gufo, è sempre bene aprire la propria mappa e controllare se si ha dato un’occhiata a tutti gli angoli. Fortunatamente quando si trova qualcosa di rilevante un’icona viene aggiunta alla mappa. Questo può tornare utile nel caso in cui si decidesse di riepilogare dove si è già stati oppure no.

Inoltre, girando per il mondo di Tales of Arise si noteranno senza dubbio diversi oggetti da raccogliere. Ogni volta che vedi qualcosa che brilla potresti chiederti se ne vale la pena andare a capire che cosa si cela dietro alla luce, e la nostra risposta è: . Per alcuni accumulare molto grano, funghi e rocce all’inizio potrebbe sembrare uno spreco di tempo e inventario (anche se è infinito), ma in realtà non è proprio così. Una volta che si avranno a disposizione meccaniche come cucina e crafting, tutte le risorse ottenute torneranno sicuramente utili in un modo o nell’altro.

Alcune missioni secondarie ci chiederanno poi di fornire a degli NPC degli ingredienti o oggetti specifici, e tenerli con sé quando trovati in giro per caso aumenta le probabilità di completare una quest in men che non si dica. Questo è da tenere in mente nel caso in cui si avesse bisogno di denaro per acquistare armi o attrezzature.

Tales-of-Arise_31_05_img03

Non sottovalutare la personalizzazione dei comandi

Al giorno d’oggi non tutti i giochi che escono sul mercato permettono ai giocatori di personalizzare i comandi, specialmente se si gioca su console. Ma in Tales of Arise, fortunatamente, quest’opzione è possibile ed è assolutamente da non sottovalutare, come scritto in questa guida.

Sebbene i comandi standard su PlayStation e Xbox non siano così scomodi, col passare del tempo potrebbero esserci problemi nel combattimento, soprattutto se si sta affrontando un boss molto potente. Per aggirare questo problema, il nostro consiglio è quello di spostare i comandi delle meccaniche di combattimento ai quattro pulsanti frontali del controller su tutte le console. Su PC invece il discorso è leggermente più diverso, ma se si gioca con un controller vale anche per questa piattaforma.

Tales_Of_Arise_Screenshot_04

Cambia difficoltà se necessario

Questo consiglio potrebbe essere banale, ma in alcuni casi è necessario considerarlo. Quando si parla di combattimento, Tales of Arise possiede alcune meccaniche differenti da quelle di altri giochi action. Se si ha dunque qualche problema in alcune battaglie, consigliamo di andare nelle impostazioni ed abbassare la difficoltà. Considerando che non ci sono trofei o obiettivi legati alla difficoltà, cambiarla non è un problema.

La difficoltà più “facile” di Tales of Arise è “Storia”, e anche se non trasforma il proprio viaggio in un walking simulator, il livello di esperienza necessario per sconfiggere un potente nemico è decisamente inferiore. Per coloro che invece desiderano un’avventura più tosta, consigliamo di alzare la difficoltà a Moderato o persino Difficile.

tales-of-arise-img04

Bilancia il tuo party e aggiusta le tue tattiche

La strategia prima di tutto

Tales of Arise offre un comodo menù Strategia in cui è possibile cambiare il modo in cui ragionano i propri compagni di party. Nonostante non sia possibile modificare ampiamente come attaccano, si può dire di essere più aggressivi e quando devono curare (a proposito, assicurati di avere sempre almeno un curatore nel party) o usare le Arti di supporto.

All’inizio il menù potrebbe sembrare spaventoso ed esaustivo, ma quando è il momento si può iniziare a cambiare le tattiche del proprio party. È possibile continuare il gioco senza modificarle, ma crediamo che si tratti di una scelta piuttosto estrema.

Gli Attacchi Boost

Non bisogna poi dimenticarsi degli Attacchi Boost: anche se è una buona idea salvarli per battaglie con nemici tosti, possono sempre essere utilizzati per estendere le proprie combo e causare ancora più danni. Gli Attacchi Boost possono essere anche usati per riposizionare i membri del party, ad esempio per tirarli fuori dai guai quando non sembrano essere messi troppo bene. Dato che un Attacco Boost rende un personaggio temporaneamente invincibile, utilizzare quest’ultima tecnica in modo efficace è molto importante.

Tales_Of_Arise_Screenshot_09

Bisogna schivare

Come dice ogni guida, in Tales of Arise cosa è più importante da fare quando si è in battaglia: attaccare? No, schivare. Le schivate sono l’unico modo per difendersi da un attacco imminente, ed utilizzarle correttamente possono fare la differenza tra vita e morte. Se ci si sente un minimo in difficoltà, schivare col giusto timing non potrà far altro che bene.

Non vendere le armi vecchie

Non è raro avere poco denaro in Tales of Arise, specialmente all’inizio. Quando si desidera acquistare un oggetto per la cura oppure aggiornare la propria armatura ed arma questo potrebbe farsi sentire. Ma se ti tenta vendere le vecchie armi per provare a racimolare qualcosa, non farlo.

Andando avanti nel gioco, infatti, si avranno a disposizione sempre più opzioni di crafting delle armi. Una di queste è aggiornare gradualmente una vecchia arma che, se venduta, dovrà essere ricostruita. Questo porta a uno spreco di tempo e risorse che si vorrebbe evitare, pertanto tieni le tue vecchie armi fino a quando non hai la possibilità di aggiornarle. Pertanto, va bene vendere una vecchia armatura, ma la prima spada ottenuta potrebbe tornare molto utile in futuro.

Tales_Of_Arise_Screenshot_07

Usa spesso il viaggio veloce e salva prima dei boss opzionali

Il sistema di viaggio veloce di Tales of Arise è molto ben fatto e consente di andare più o meno dovunque. Dato che è estremamente facile da utilizzare e un segnalino può essere piazzato dove meglio si desidera, vi consigliamo di sfruttare questa funzionalità al massimo, soprattutto quando si stanno completando delle missioni secondarie.

Con il viaggio veloce è inoltre possibile tornare alle aree precedentemente visitate molto velocemente. Questo è utile nel caso in cui si volesse tornare indietro per accettare nuove missioni o se si desidera affrontare un nemico che qualche ora fa era troppo forte.

Inoltre, una guida non può non menzionarlo: il salvataggio è molto importante, anche in Tales of Arise. Nel gioco ci sono molti boss opzionali da combattere, e alcuni potrebbero essere persino mortali se non si è ben preparati. Se essere sconfitti in battaglia ci riporta sulla mappa con pochi HP, certi boss delle missioni secondarie, una volta che ci avranno sconfitto, ci rimanderanno ad una schermata di Game Over. Per questo motivo, salva prima dei boss opzionali.

Tales_of_Arise_SGF-Screenshot-7

Cucina sempre

I veterani della serie sanno sicuramente che sbloccare ricette e cucinare cibo è una chiave per il successo in Tales of Arise. Nel caso in cui Arise fosse il tuo primo gioco di Tales of, però, così potrebbe non sembrare, ma spieghiamo il perché.

Prima di potersi rilassare in un accampamento ci verrà fornita un’opzione per cucinare del cibo per il party utilizzando gli ingredienti collezionati fino ad ora (ecco perché abbiamo detto di tenerli). Da qui è possibile scegliere una delle ricette imparate, e ognuna fornirà un effetto diverso per un certo periodo di tempo. Il cibo di Tales of Arise può fornire molti effetti: boost dell’XP, buff nell’attacco e difesa ed altro ancora. Si può tenere attivo un solo effetto alla volta, e per questo consigliamo di scegliere quello che ti tornerà utile con certezza dopo il risveglio.

Anche scegliere chi preparerà il cibo è importante, poiché alcune statistiche degli effetti cambieranno. Law, per fare un esempio, riduce la durata di un effetto, ma ne aumenta la potenza. E attenzione, poiché mangiare del cibo azzera il tempo dell’effetto e non ne aggiunge.

Tales_of_Arise_SGF-Screenshot-10

Non preoccuparti da subito degli accessori

Come ogni RPG che si rispetti, in Tales of Arise i personaggi possono indossare degli oggetti, in questo caso chiamati accessori, che aumentano determinate statistiche o attivano bonus speciali. In questo titolo nello specifico gli accessori possono essere trovati nelle casse e se ne possono anche craftare se necessario.

C’è una cosa che bisogna ricordarsi, però. La potenza di un accessorio varia in base al materiale che viene utilizzato per craftarlo e, se così vogliamo dirlo, i minerali vengono dati casualmente. Ogni volta che si estrae un deposito di minerali se ne ottiene un assortimento diverso in base a dove ci si trova. E l’efficacia di questi minerali aumenta man mano che si procede nel gioco (arrivano fino al livello 5, che è il massimo).

Questo significa che all’inizio non è necessario preoccuparsi degli accessori, o meglio: averne uno equipaggiato non fa mai male, ma non bisogna mai rimanere bloccati al crafting ad ogni opportunità. Proseguendo con l’avventura diventano obsoleti, e risparmiare minerali tornerà utile successivamente per creare accessori di alto livello.

Tales_Of_Arise_Screenshot_03

Tales of Arise è disponibile su PC, PS4, PS5, Xbox One e Xbox Series X/S. Nel caso in cui voleste sapere dove trovare tutti i gufi, vi rimandiamo ad una guida dedicata.