Prima della seconda metà del 2020, Among Us era un gioco multiplayer non molto popolare. Il numero di giocatori scendeva di giorno in giorno, e secondo Marcus Bromander, co-fondatore di Innersloth, lo studio stava per cancellare il progetto prima che la sua popolarità esplodesse dal nulla.

In un’intervista rilasciata al podcast Visionaries, Bromander ha detto che dopo la terza mappa del gioco, Innersloth aveva deciso di lavorare su qualcos’altro. “Avevamo praticamente finito con [Among Us] all’inizio del 2019”, spiega Bromander. “Dopo la terza mappa del gioco e una serie di correzioni di bug, il team ha deciso che ‘è finita, basta, è ora di lavorare su qualcos’altro'”. Marcus stesso ha continuato a lavorare alla sua serie di Henry Stickmin, ma gli altri sviluppatori hanno iniziato a “prototipare altre idee che sono arrivate piuttosto lontano”.

Quando però la popolarità di Among Us è aumentata nel 2020, Innersloth decise che forse era meglio continuare a lavorare sul gioco e cavalcare la cresta dell’onda. Si era pure pensato ad un sequel che, come sappiamo, è stato cancellato in fase di pianificazione.

“Dovremmo fare Among Us 2 o aggiornare il gioco a cui tutti stanno già giocando?”, ha aggiunto Bromander. “C’è così tanta gente che gioca, che volevo provare l’esperienza di rilasciare aggiornamenti del genere a molte persone”.

Ancora oggi Innersloth continua a lavorare sul primo Among Us, rilasciando nuovi contenuti regolarmente e tanti miglioramenti. Ma un altro gioco della serie è in arrivo, ed è Among Us VR.