Square Enix ha pubblicato quest’oggi i suoi risultati finanziari per il trimestre fiscale appena concluso, e da una riunione con gli azionisti (via David Gibson) sono emersi nuovi dettagli sulle future azioni della società giapponese.

Secondo quanto riportato da Gibson, Square Enix avrebbe venduto i suoi studi occidentali a Embracer Group (Crystal Dynamics, Eidos e Square Enix Montreal) poiché era preoccupata che i loro titoli avrebbero potuto cannibalizzare le vendite del resto del gruppo, dunque dei giochi giapponesi.

La vendita degli studi sarebbe solo una prima fase del futuro di Square Enix, con la seconda che punta a diversificare la struttura del capitale della compagnia. L’aumento dei costi di sviluppo porta Square Enix ad essere più selettiva con le risorse, limitando l’espansione. Ciò avrà un forte impatto sugli studi europei e americani, secondo Gibson, mentre molte risorse saranno destinate ai giochi giapponesi.

Per questo motivo Square Enix potrebbe vendere delle quote dei suoi studi per migliorare l’efficienza del capitale, una notizia da non sottovalutare data la continua espansione di Sony e Tencent.

Sony ha comprato all’inizio dell’anno Bungie, lo studio di Destiny 2, mentre proprio ieri un report ha suggerito che il colosso cinese potrebbe comprare più azioni di Ubisoft.