Xbox accusa PlayStation di pagare gli sviluppatori per evitare che i loro giochi arrivino su Xbox Game Pass

Importanti accuse quelle di Microsoft.

Xbox accusa PlayStation di pagare gli sviluppatori per evitare che i loro giochi arrivino su Xbox Game Pass

In un documento inviato al governo brasiliano per giustificare la sua acquisizione di Activision Blizzard (via VGC), Microsoft ha affermato che Sony arriva a pagare gli sviluppatori per vietare loro di pubblicare i propri titoli su Xbox Game Pass.

Secondo la casa di Redmond, l'azienda giapponese proverebbe attivamente ad "inibire la crescita" del servizio ad abbonamento proibendo ai team di sviluppo di rilasciare i loro giochi su quella piattaforma. I commenti arrivano in risposta ad accuse sollevate da Sony in risposta all'acquisizione di Activision da parte di Microsoft.

"Considerando che le strategie di esclusività sono state al centro della strategia di Sony per rafforzare la propria presenza nell'industria e che l'azienda è leader nella distribuzione di giochi digitali, la preoccupazione di Sony per l'eventuale esclusività dei contenuti di Activision è a dir poco incoerente", sostiene Microsoft nei documenti. "Rivela solo, ancora una volta, un timore nei confronti di un modello di business innovativo che offre contenuti di alta qualità a basso costo per i giocatori, minacciando una leadership forgiata da una strategia incentrata sui dispositivi e sull'esclusività nel corso degli anni".

"In effetti, la capacità di Microsoft di continuare a espandere Game Pass è stata ostacolata dal desiderio di Sony di inibire tale crescita. Sony paga i 'diritti di blocco' per impedire agli sviluppatori di aggiungere contenuti a Game Pass e ad altri servizi di abbonamento concorrenti".

Come fa sapere VGC, alcune sezioni del documento sono nascoste, probabilmente per ragioni confidenziali. Non è certamente raro vedere accordi del genere nel mondo dei videogiochi, anche se sembra che questa volta Microsoft abbia scelto di puntare direttamente il dito contro la sua concorrente.

Commenti

Contenuti consigliati