Dark Souls: Prepare to Die Edition, i server della versione PC non torneranno online

Ma è tornato il multiplayer di Dark Souls 2: Scholar of the First Sin (DX11).

Dark Souls: Prepare to Die Edition, i server della versione PC non torneranno online

Con un tweet pubblicato questa mattina Bandai Namco e FromSoftware hanno annunciato che i server della versione PC di Dark Souls: Prepare to Die Edition, a 10 anni di distanza dal lancio, non potranno tornare online per via di "un sistema vecchio".

La notizia è arrivata assieme a quella del ritorno in vita dei server di Dark Souls 2: Scholar of the First Sin (DirectX 11). Le funzionalità online per la versione base di Dark Souls 2 per PC (che supporta DirectX 9) saranno ripristinate prossimamente, hanno aggiunto le due compagnie giapponesi.

"Le funzionalità online per la versione PC di Dark Souls II: Scholar of the First Sin (DX11) sono state riattivate," ha detto l'account Twitter di Dark Souls. "Il multiplayer della versione base di Dark Souls II per PC (DX9) sarà disponibile in un secondo momento. Vi ringraziamo per la vostra pazienza e il vostro supporto".

"Abbiamo stabilito che non saremo in grado di supportare i servizi online per la versione PC di Dark Souls: Prepare to Die Edition uscita nel 2012 a causa dell'età del sistema. Ci scusiamo per la lunga attesa e vi chiediamo comprensione per questo problema," ha aggiunto, prima di far sapere che continuano i lavori sul ripristino dei server di Dark Souls Remastered.

I server PvP delle versioni PC di Dark Souls: Remastered, Dark Souls 2 e Dark Souls 3 erano stati disattivati a gennaio dopo la scoperta di una grave vulnerabilità di sicurezza. Ben otto mesi dopo, ad agosto, Bandai Namco ha riportato online i server di Dark Souls 3.

Dark Souls 3’s PC servers were finally brought back online in late August.

Commenti

Contenuti consigliati