Riot Games fa causa a NetEase per un clone di Valorant

Hyper Front sarebbe in tutto e per tutto una copia di Valorant.

Riot Games fa causa a NetEase per un clone di Valorant

Come riportato da Polygon, Riot Games ha scelto di fare causa alla compagnia cinese NetEase per Hyper Front, uno sparatutto 5v5 per mobile molto simile a Valorant. Lo studio californiano ha aperto la causa in diversi Paesi, affermando che Hyper Front è "una copia di parti sostanziali di Valorant".

Hyper Front è uscito su Android e iOS all'inizio dell'anno, e al momento della stesura della notizia la pagina del Google Play Store riporta errore all'apertura (una copia della cache di Google, tuttavia, dimostra che fino a pochi giorni fa il gioco era ancora disponibile per il download), probabilmente per via della mossa di Riot Games. L'azienda americana afferma che ci sono diverse somiglianze tra i due giochi, da personaggi a mappe, passando per armi, skin e oggetti cosmetici, e persino statistiche delle armi.

"Tutte le nostre scelte creative si rispecchiano nel gioco di NetEase", ha dichiarato un portavoce di Riot Games a Polygon. "Non pensiamo che cambiare il colore di un'abilità del personaggio o modificare leggermente l'aspetto visivo cambi il fatto che si tratta di una violazione del copyright. È come quel vecchio detto: 'Puoi mettere il rossetto su un maiale, ma è sempre un maiale'".

Riot Games vuole che i tribunali di cinque paesi forzino NetEase a chiudere Hyper Front, richiedendo anche danni "sostanziali". "Non vogliamo affidarci a un mercato in particolare per risolvere questo problema", ha aggiunto il portavoce. "NetEase è un publisher globale, come noi. Vogliamo che sappiano che prendiamo la questione molto seriamente".

Commenti

Contenuti consigliati