Amazon Games, John Smedley, il capo dello studio di San Diego, lascia l'azienda

Andy Sites prenderà il suo posto.

Amazon Games, John Smedley, il capo dello studio di San Diego, lascia l'azienda

John Smedley, capo dello studio di San Diego di Amazon Game Studios, ha annunciato con un comunicato rilasciato a Bloomberg le sue dimissioni dal ruolo.

Smedley era entrato in Amazon nel 2017, sei anni fa, ed ha lavorato su diversi progetti: nessuno di questi, tuttavia, è mai arrivato sul mercato. A prendere il posto di Smedley ci penserà Andy Sites, con il primo che si occuperà anche della transizione.

"Dopo averci pensato a lungo, ho deciso che è giunto il momento di cimentarmi in qualcosa di nuovo", ha dichiarato Smedley in un'e-mail inviata al personale vista da Bloomberg.

"John è una leggenda dell'industria dei videogiochi e siamo grati per il suo contributo ad Amazon Games negli ultimi sei anni", ha dichiarato un portavoce di Amazon. Il suo team "rimane concentrato sulla realizzazione di un progetto non ancora annunciato. John si impegna a rimanere fino alla completa transizione del team prima di dedicarsi a qualcosa di nuovo".

Amazon ha aperto Amazon Game Studios nel 2017 con poco successo: il team ha cancellato diversi giochi, mentre solo uno è uscito, Crucible, sebbene sia stato chiuso dopo pochissime settimane. Attuali ed ex dipendenti hanno attribuito la responsabilità dei problemi di Amazon Games all'ex capo Mike Frazzini, che si è dimesso l'anno scorso. Il suo successore, Christoph Hartmann, ha fatto grandi scommesse, come l'accordo per la pubblicazione del prossimo gioco della serie Tomb Raider.

Commenti

Contenuti consigliati