Phil Spencer pensa che il Kinect sia stato un enorme contributo di Xbox al gaming

Phil Spencer si esprime sul Kinect.

Phil Spencer pensa che il Kinect sia stato un enorme contributo di Xbox al gaming

In una recente intervista rilasciata alla rivista Edge in cui si è discusso anche di console war, Phil Spencer, capo di Xbox, è intervenuto sul Kinect, il dispositivo nato con Xbox 360 e abbandonato una generazione dopo con Xbox One.

Spencer ha detto che il Kinect ha dato un contributo notevole al gaming negli ultimi 20 anni, un'affermazione particolare dato che la reputazione dell'hardware non è proprio tra le migliori.

"Il controllo del movimento era il modo in cui tutti dovrebbero giocare a ogni gioco? Direi che la risposta è no, dal mio punto di vista", ha ammesso Spencer.

"Prima di allora non tutto era un gioco classificato M, ma quando abbiamo iniziato a fare cose come Kinect Sports, lavorare con altri sviluppatori - [Happy Action Theatre di Double Fine è un esempio] e sviluppare giochi di ballo - ci ha davvero aperto gli occhi in ciò che Xbox potrebbe essere."

Spencer ha affermato inoltre che il Kinect ha avuto un ruolo importante nel rendere i videogiochi accessibili davvero a tutti, lavoro che poi si è notato nell'Xbox Adaptive Controller.

"Osservo il lavoro di accessibilità che abbiamo svolto, che si tratti dell'Adaptive Controller o del software, e penso che ci sia qualcosa che porta al Kinect," ha aggiunto. "Non specificamente il dispositivo in sé, ma solo ciò che una piattaforma di gioco può significare per più persone. Ed è un viaggio che stiamo ancora intraprendendo".

Il Kinect era un dispositivo con fotocamera inizialmente lanciato sul mercato nel 2010 per Xbox 360 che consentiva ai giocatori di controllare i giochi con il proprio corpo. Nonostante abbia venduto 35 milioni di unità, il Kinect non è mai stato visto come un grande dispositivo e non è arrivato su Xbox Series X/S.

Commenti

Contenuti consigliati