Take-Two e Ubisoft sospendono le vendite dei loro giochi in Russia

Niente giochi Ubisoft e Take-Two in Russia.

Take-Two e Ubisoft sospendono le vendite dei loro giochi in Russia

La settimana è appena iniziata, e continua ad allungarsi la lista delle compagnie che hanno scelto di tirarsi fuori dal mercato videoludico russo.

Quest'oggi sia Take-Two, società madre di Rockstar Games e 2K Games, che Ubisoft hanno annunciato di aver interrotto le vendite dei loro giochi in Russia (Take-Two anche in Bielorussia).

"Abbiamo osservato i recenti eventi in Ucraina con preoccupazione e tristezza", ha detto a GamesIndustry.biz il vice presidente della comunicazione aziendale e degli affari pubblici di Take-Two, Alan Lewis. "Dopo una significativa considerazione, la scorsa settimana abbiamo deciso di fermare nuove vendite, installazioni [di titoli] e iniziative di marketing in tutte le nostre etichette in Russia e Bielorussia".

Per quanto riguarda Ubisoft, la compagnia francese non ha voluto elaborare molto sulla scelta. In un comunicato inviato a Reuters da un portavoce, Ubisoft ha detto: "Le vendite digitali e fisiche sono sospese in Russia".

Lo stop delle vendite dei titoli Take-Two in Russia è piuttosto significativo, dato che GTA 5 è il terzo gioco più popolare nel paese in base al numero di utenti attivi mensilmente.

Tra le altre compagnie che hanno bloccato le vendite dei loro prodotti in Russia troviamo Epic Games, Electronic ArtsActivision BlizzardMicrosoft e CD Projekt Red.

Commenti

Contenuti consigliati