Il servizio di cloud gaming Google Stadia è disponibile da soli due giorni, ma sembra che Amazon abbia intenzione di unirsi alla lista dei concorrenti.

Secondo quanto riportato da CNET, Amazon avrebbe intenzione di annunciare il suo servizio di game streaming nel 2020: la testata giornalistica cita inoltre un report del mese di gennaio che rivelava l’esistenza di questo progetto e che prima del prossimo anno non sarebbe mai stato lanciato.

Anche dei recenti annunci di lavoro lasciano pensare che la compagnia americana abbia già iniziato a realizzare quanto desiderato. Amazon era alla ricerca di alcune persone in grado di entrare nel team di Amazon Web Services (AWS) per una nuova iniziativa legata proprio al game streaming. Un altro annuncio trovato da CNET riporta che Amazon ha intenzione di introdurre nel servizio un’integrazione con Twitch, simile ai tentativi di Google di collegare Stadia e YouTube. The Verge ha inoltre scovato un annuncio nel quale Amazon afferma di star cercando un “Principal Product Leader” per una “iniziativa di AWS Gaming“.

Insomma, gli indizi non mancano di certo, e vista l’enorme infrastruttura tecnologia posseduta dall’azienda, un arrivo nel mondo del cloud gaming potrebbe non essere così improbabile. Amazon si interessa al gaming dal 2014, quando istituì i suoi Game Studios, che nel corso di quest’estate hanno visto una riduzione dei lavoratori.

La lotta per il miglior servizio sembra quindi ora contendersi tra Google, Microsoft con il suo Project xCloud, Sony con PlayStation Now, e molto probabilmente Amazon.

Fonte: The Verge