Innersloth, il team dietro ad Among Us, ha parlato di come si sia sentito “sopraffatto” e “distrutto” dopo il successo del titolo multiplayer lo scorso anno.

“Among Us che diventa virale, era proprio come, ‘OK, questa è la mia vita,'” ha detto l’artista Amy Liu in un’intervista. “La pressione per fare le cose in fretta era davvero alta. Da settembre a dicembre, parlavamo con Xbox, PlayStation. Volevano portare Among Us su queste piattaforme, cosa che di solito richiede molti mesi – tipo, da mezzo anno a un anno. Noi dicevamo: ‘Tre mesi! Ci proveremo”.

“Sono rimasta decisamente distrutta”, ha continuato Liu. “È stata dura perché durante tutto questo non siamo stati in grado di vedere amici e familiari. Essendo così stanca per il lavoro, non potevo nemmeno andare a trovare la mia famiglia durante il COVID e ho dovuto passare le vacanze da sola… quello è stato sicuramente il momento più difficile”.

“Quando sei sotto una pressione di centinaia di milioni di [persone], non capiscono che ci vogliono mesi. I problemi del server dovrebbero essere risolti domani, aggiungere nuove cose dovrebbe essere la prossima settimana – è così facile [per loro]. È un sacco di pressione. È travolgente”, ha aggiunto il programmatore Forest Willard.

“C’è stato un periodo all’inizio dell’anno quando molti dei commenti negativi stavano davvero iniziando a colpirmi, e – combinato con i sentimenti di sopraffazione – ero come, ‘Non voglio nemmeno più lavorare su questo. Ho chiuso”, ha ammesso il game designer Marcus Bromander.

Among Us è disponibile su Nintendo Switch, mobile e PC, e arriverà prossimamente su Xbox e PlayStation.