I giocatori di Call of Duty si sono lamentati dei cheater sin dai tempi di Xbox 360, quando i giocatori modificavano illegalmente i loro controller per sparare più velocemente. Ora, Activision Blizzard ha presentato una lettera di cease and desist contro un altro produttore di trucchi di Call of Duty, e sembra che il sito in questione abbia smesso di ospitare cheat per i giochi Activision Blizzard.

Secondo una dichiarazione pubblicata da GatorCheats sul suo server Discord e ottenuta da CharlieIntel, Activision Blizzard ha inviato per la prima volta al sito una lettera simile nel maggio 2020, ma GatorCheats ha chiuso solo le vendite di cheat di Modern Warfare e Warzone a nuovi clienti, continuando a supportare coloro che avevano già effettuato un acquisto. A settembre, una persona ha consegnato a mano una seconda lettera al proprietario del sito, che indicava che se non avesse rimosso completamente i trucchi dal proprio sito, si sarebbe andati per vie legali.

A seguito di ciò, il proprietario di GatorCheats ha deciso di rimuovere tutti i prodotti illegali di Activision Blizzard dal proprio sito, oltre a sollecitare tutti i clienti a non cercare trucchi da “fonti alternative”. Questa decisione segue la chiusura simile di un altro sito di cheat, CXCheats, che ha smesso di vendere cheat di COD a fine agosto.

Call of Duty: Modern Warfare e Warzone sono disponibili su PC, PS4 e Xbox One. Cosa ne pensate di questa mossa di Activision?

Fonte: Charlie Intel