Che Cooking Mama: Cookstar, il fantomatico nuovo gioco della serie di cucina, sia un titolo piuttosto misterioso è ormai diventato ovvio. Sono in molti, infatti, a non avere una chiara idea di che cosa sia effettivamente, di quando uscirà, su dove arriverà e, soprattutto, perchè non ha ricevuto un adeguato marketing come si ci potrebbe aspettare da un gioco simile.

Iniziando dal principio, un trailer pubblicato per errore qualche settimana fa rivelava la data di uscita di Cooking Mama: Cookstar, fissata per il 26 marzo. Come segnalato da IGN, il gioco è arrivato sul Nintendo eShop, ma nel corso dell’ultimo weekend è stato cancellato completamente, e non è più possibile effettuarne l’acquisto. In molti hanno iniziato a chiedersi il motivo di ciò, e in rete sono iniziate a circolare delle voci legate ad un possibile sfruttamento della propria Nintendo Switch per minare delle criptovalute.

Un comunicato stampa di febbraio 2019 rivelava che il titolo possedeva un DRM basato sulla tecnologia della blockchain: questo è solo il primo indizio che ha fatto dubitare della sua legalità siccome, stando a quanto riferito da alcuni utenti in rete, Cooking Mama: Cookstar richiedeva una continua presenza di una connessione ad internet nonostante sia un titolo singleplayer, ma non solo. Altre persone hanno affermato di aver notato un eccessivo surriscaldamento della console, così come un esponenziale aumento del traffico dati dalla Switch.

Quasi istantaneamente, il team di sviluppo dietro al gioco, 1st Playable, ha smentito tutte queste voci, dichiarando che non è presente alcun tipo di blockchain o mining di criptovalute nel codice.

“Essendo gli sviluppatori possiamo dire con certezza che non si trova nessuna cryptomoneta, collezione di dati o altre cose oscure nel codice. La Nintendo Switch è una piattaforma molto sicura,” ha detto il team a Nintendo Everything. “Si tratta di un comunicato stampa del febbraio 2019, e la blockchain non ci è mai stata proposta. Nulla di tutto ciò sarà aggiunto in futuro.”

Alcuni utenti di Twitter hanno poi iniziato a smentire le voci sulla necessità di un continuo collegamento ad internet, così come altri piccoli dettagli messi in discussione nei giorni prima.

Parlando, invece, dell’uscita ufficiale, possiamo dirvi con certezza di non sapere quando ciò avverrà: il gioco è stato rimosso dal Nintendo eShop, ma alcuni rivenditori come GameStop e GAME sembrano star già spedendo le cartucce dell’edizione fisica, pertanto è possibile supporre che il lancio fosse previsto davvero per la fine del mese di marzo.

Nelle scorse ore, però, sono emerse delle dichiarazioni da parte degli sviluppatori che rivelano la vera, e più plausibile, motivazione dietro alla rimozione di Cooking Mama: Cookstar dal negozio digitale della Nintendo Switch. Stando a quanto è possibile apprendere grazie a Nintendo Life, sarebbe in corso una vera e propria disputa legale tra 1st Playable, Planet Entertainment, il publisher, e il possessore dell’IP di Cooking Mama, Office Create.

“C’è una battaglia legale tra Planet Entertainment e Office Create: il publisher avrebbe rilasciato il gioco nonostante le richieste da parte del possessore dell’IP di rifinirlo ulteriormente, arrivando persino a pensare alla cancellazione. Ad un certo punto i clienti di Office Create sono andati a supervisionare lo sviluppo, ed è iniziata una discussione piuttosto accesa. Una volta che la compagnia è venuta a conoscenza del rilascio del gioco ha scelto di usare i suoi contratti con Nintendo per rimuoverlo dall’eShop e fermare la produzione delle cartucce.”

Alcuni dettagli certamente più interessanti hanno iniziato a far supporre ad alcuni che Cooking Mama: Cookstar sia un gioco realizzato senza licenza: dei file audio presenti nel codice, ovvero la musica di sottofondo, sono stati scaricati direttamente da YouTube, e tutto ciò è piuttosto sospetto per un titolo autorizzato. Nel trailer di lancio e nella sezione finale del sito ufficiale del gioco, inoltre, non è presente alcun riferimento a 1st Playable, il team di sviluppo, ma solo al publisher, Planet Entertainment.

Sul sito giapponese di Cooking Mama, inoltre, non è presente nessuna notizia riguardante il lancio di un nuovo gioco della serie, pertanto è come se l’uscita di Cooking Mama: Cookstar non fosse stata ancora pianificata da Office Create, anch’essa non menzionata nel trailer di lancio. I profili social delle compagnie e del gioco, che al momento non ci è dato sapere se sia reale o no, non hanno ricambiato i follow e non hanno parlato in alcun modo del titolo, due avvenimenti insoliti per una pubblicazione di questo genere.

Proprio l’account Twitter di Cooking Mama: Cookstar, nelle ultime ore, ha scritto che il lancio è stato posticipato in seguito alla pandemia di nuovo Coronavirus (COVID-19), il che potrebbe risultare strano per alcuni visto che solo qualche giorno fa il titolo era presente e giocabile dal Nintendo eShop, a tal punto che alcune persone sono riuscite a realizzare dei video gameplay.

Al momento non abbiamo ulteriore informazioni, ma si tratta senza dubbio di una situazione piuttosto particolare. Rimangono ancora molte domande sulla totale assenza di marketing e pubblicità, probabilmente dovuta ad un lancio avvenuto troppo in anticipo come dichiarato da Office Create: questo, inoltre, spiegherebbe la mancanza di notizie sul sito ufficiale dell’IP.

Cooking Mama: Cookstar dovrebbe arrivare su PS4 e Nintendo Switch. Ringraziamo Mattia B. per le numerose informazioni offerte a GamingTalker che hanno aiutato moltissimo la realizzazione di questa notizia!