Cyberpunk 2077 arriverà tra pochi mesi, e CD Projekt Red continua a mostrare e raccontare nuovi dettagli. In un’intervista a Wccftech, Alvin Liu ha parlato, oltre alle meccaniche di gioco e all’ambientazione, dell’importanza di creare un gioco che sia accessibile anche a chi non è un amante degli shooter o dei titoli in prima persona in generale.

Parlando delle molteplici difficoltà che saranno presenti in Cyberpunk 2077, Liu ha dichiarato che “per la compagnia è stato molto importante lavorare sul fatto che una persona vuole giocare solo alla storia e non ha esperienza con gli shooter. Vogliamo raccontare una storia, magari sei un grande fan di The Witcher e non ti trovi bene nello giocare ad uno sparatutto, abbiamo delle impostazioni disponibili per questo. Abbiamo anche delle armi apposite. Se ti ricordi la demo dello scorso anno, c’era una arma ‘intelligente’ che ti aiutava a mirare. I proiettili erano molto più lenti e deboli, ma è perfetta per chi non sa mirare bene.”

Nell’intervista si è anche parlato del feedback negativi riguardante la scelta di utilizzare la prima persona, visto che alcune persone possiedono problemi di nausea e non solo. “Ci saranno molte opzioni per questo, partendo da uno slider per il FOV. Stiamo anche considerando un’accessibilità ad un livello molto alto, andando ad includere anche sottotitoli per coloro che possiedono delle difficoltà nel leggere parti di testo nel gioco. Con la prospettiva in prima persona, possiamo fare molte cose nuove, come ad esempio dialoghi molto più immersivi rispetto a The Witcher 3, dove era abbastanza ovvio quando andavi a combattere perché vedevi le barre nere e la telecamera in movimento. Ma in questo gioco potrai letteralmente sparare a qualcuno in pochissimo tempo. È molto immersivi, ed è una una delle ragioni principali per la quale abbiamo cambiato scelta dalla terza persona.”

Per quanto riguarda gli altri dettagli, in Cyberpunk 2077, Night City sarà aperta fin dall’inizio, e potremo quindi esplorare tutta la città e non solo: sarà possibile visitare pure il deserto della California ed altro. Sarà presente anche un tempo meteorologico dinamico, con anche una pioggia acida visto l’inquinamento presente nella città.

In Cyberpunk 2077 sarà presente anche una specie di sistema di reputazione, dove se inizi ad uccidere troppe persone probabilmente ci saranno delle conseguenze, come il finire in prigione (Liu non ha voluto spoilerare nulla, ndr).

Cyberpunk 2077 sarà disponibile su PC, PlayStation 4 e Xbox One a partire dal 16 aprile 2020.

 

Fonte: Wccftech