Quando Destiny 2: Shadowkeep fu rivelato al grande pubblico, Bungie mostrò un nuovo sistema riguardanti le mosse finali, una meccanica presente già in moltissimi giochi. Nel trailer, i Guardiani picchiano i loro nemici con i loro pugni o li tagliano con dei coltelli per poi farli volare.

Oltre al filmato, Bungie non si è mai espressa sul funzionamento di questo nuovo sistema, ma in un’intervista a Polygon, Mark Noseworthy e Luke Smith, rispettivamente general manager e direttore del franchise, ne hanno parlato, aggiungendo anche come questa nuova meccanica aiuterà i giocatori.

“Quando la vita dei nemici si troverà sotto una certa soglia, ci sarà un segnale che indicherà che possono essere finiti”, spiega Smith.

Le mosse finali non saranno solo estetiche: i giocatori potranno aggiungere degli oggetti alla propria armatura per migliorare questi attacchi. In cambio della visibilità e di Super energia, sarà possibile creare effetti unici.

Le animazioni delle mosse finali sono equipaggiate separatamente dagli elementi che impattano il gameplay. I giocatori possono personalizzare questi due a parte, potendo così scegliere il bonus di combattimento di cui hanno bisogno senza sacrificare la bellezza di una mossa finale. L’animazione della mossa finale scelta non va ad impattare in alcun modo sui benefici che si ottengono.

Le animazioni delle mosse finali si otterranno sull’Eververse Store o completando nel gioco una sfida difficile. “Al lancio, potrai equipaggiare una sola mossa finale, ma stiamo lavorando per aggiungere la possibilità di avere un multi-equipaggiamento”, ha riferito Smith. Bungie vorrebbe anche introdurre un sistema di randomizzazione delle mosse finali.

Destiny 2: Shadowkeep arriverà su PC, PlayStation 4, e Xbox One il 17 settembre.

 

Fonte: Polygon