La prossima settimana, il 23 settembre, uscirà sul mercato Diablo 2 Resurrected, un rifacimento del classico ARPG di Blizzard. In un’intervista rilasciata ad Axios, Vicarious Visions, studio di Blizzard, ha detto che cosa dovrebbero fare i giocatori dopo aver saputo della causa che vede Activision colpevole di molestie sul posto di lavoro e altro.

Diablo 2 Resurrected è il primo gioco di Activision Blizzard a sbarcare sul mercato dopo la causa del California Department of Fair Employment and Housing. Lo sviluppo del gioco è però guidato da Vicarious Visions, uno studio non citato nella causa. Nonostante ciò, il design director Rob Gallerani ha detto che le accuse hanno portato alla revisione di alcuni processi e che il team ha chiesto ai suoi dipendenti come migliorare la cultura lavorativa.

“È stato sicuramente molto preoccupante sentire questo tipo di cose”, ha detto sulle accuse. “E volevamo davvero sostenere i nostri colleghi e le nostre colleghe. Abbiamo sentito un sacco di cose davvero positive [nella nostra revisione interna], ma non credo che abbiamo mai ottenuto un lasciapassare su questo. Dobbiamo sempre continuare a chiedere”.

La controversia ha anche portato Vicarious Visions a scansionare il contenuto originale di Diablo 2 per qualsiasi riferimento che potrebbe essere considerato problematico, ma Gallerani ha detto che non è stato trovato nulla. In conclusione, Gallerani ha affermato che i giocatori dovrebbero fare quello che pensano sia giusto fare, ovvero se acquistare il gioco oppure no pur supportando Activision.