Come sappiamo, non è molto raro che in titoli venduti ad alto prezzo siano presenti delle microtransazioni con cui è possibile acquistare oggetti estetici o utili al facile proseguimento del gioco (come in Need for Speed Heat, ndr). Non sarà però il caso di Doom Eternal, in arrivo a marzo.

In un post su Facebook, il direttore creativo Hugo Martin ha confermato che nel nuovo titolo di Bethesda non sarà presente alcun tipo di microtransazione, e nemmeno un negozio in-gioco. “Doom Eternal è un gioco da 60 dollari,” ha detto Martin. “Non è un titolo mobile o free-to-play, vi stiamo dando un’esperienza completa senza alcun negozio proprio come vi aspettavate.”

In Doom Eternal ci saranno delle skin utilizzabili per personalizzare il proprio Slayer, tuttavia l’unico modo per ottenerle sarà quello di spendere la propria esperienza guadagnata giocando. Questa è l’unica risorsa con cui è possibile sbloccare oggetti cosmetici che non avranno alcun effetto, nè negativo nè positivo, sul proprio personaggio.

Anche Doom 2016 non presentava alcun tipo di microtransazione, ma dopo un anno id Software decise di rilasciare un DLC multiplayer gratuito che includeva nuove armi, mappe e demoni.

Doom Eternal sarà disponibile su PC, PS4 e Xbox One dal 20 marzo.

Fonte: PC Gamer