Dopo i primi dettagli di inizio febbraio, VGC ha pubblicato oggi un nuovo report riguardante l’E3 2021, che a quanto pare sarà per davvero un evento digitale.

Secondo le informazioni di VGC, l’evento, che sarà ribattezzato “Electronic Entertainment Experience” (invece di “Expo”), si terrà per una settimana a partire dal 13 giugno, e vedrà tre giorni di contenuti in digitale seguiti da un’esperienza aperta al pubblico che si baserà su un’app ufficiale dell’E3.

“L’E3 è sempre servito come forza unificante dell’industria del gaming, un momento ogni anno in cui i migliori e più brillanti si riuniscono per rilasciare gli ultimi annunci e le demo dei giochi a sostegno non solo dei loro obiettivi individuali, ma per evangelizzare l’intera industria”, si legge in un documento di presentazione inviato ai publisher. “Nel 2021, l’E3 è molto più…. Benvenuti alla Electronic Entertainment EXPERIENCE. Internazionale, inclusiva. Innovativa, Irresistibile e ‘nelle tue mani’ ovunque tu sia.”

“L’E3 2021 NON è un evento dal vivo diventato virtuale, chiarisce il documento. “L’E3 2021 è un polo d’avanguardia e culturalmente significativo per tutti gli angoli dell’industria e i suoi consumatori, dal gioco mobile e PC agli eSports ai debutti spartiacque delle console e AAA, che genereranno una massiccia attenzione mainstream, offriranno demo di giochi senza precedenti, accelerando i vostri obiettivi B2B, B2M e B2C.”

Ubisoft E3 Immagine 1

L’intenzione dell’ESA per lo show del 2021 sarebbe quella di tenere più presentazioni di diversi partner, trasmesse dal vivo da Los Angeles, così come uno spettacolo con premiazioni, una serata d’anteprima e la possibilità per le aziende di programmare incontri con i media tramite l’app.

Tuttavia, la vera novità tra i piani per l’E3 2021 potrebbe essere quella delle demo di titoli in arrivo prossimamente giocate in streaming tramite il cloud. L’ESA avrebbe intenzione di collaborare con Nvidia per rendere disponibili le demo di sviluppatori e publisher sulla piattaforma GeForce Now al pubblico generale o alla stampa. I piani inviati ai publisher suggeriscono che l’app dell’E3 includerà “stand virtuali” con contenuti annunciati durante lo show, così come negozi di merchandising e demo.

E3 Los Angeles Convention Center img01

Secondo le fonti di VGC, l’ESA avrebbe discusso la possibilità di offrire alcune parti dell’intero evento solamente ad utenti intenzionati a pagare uno speciale pass di accesso, probabilmente per le demo o per contenuti aggiuntivi. Una delle compagnie facenti parte dell’ESA avrebbe però mostrato il suo disappunto verso questa scelta, suggerendo che l’organizzazone è disposta a fare marcia indietro sulla proposta. Il profilo Twitter ufficiale dell’E3 ha detto che “lo show digitale dell’E3 2021 sarà un evento gratuito per tutti i partecipanti“, e che maggiori dettagli saranno forniti prossimamente.

Sottolineiamo che i piani dell’E3 2021 richiedono ancora l’approvazione dei membri dell’ESA, che è composta dalle più grandi aziende dell’industria e che hanno una notevole influenza sulla direzione dello show, pertanto chissà come può andare a finire. Infine, alcune fonti avrebbero riferito a VGC che dei publisher presenteranno alcuni contenuti all’E3 come “supporto all’ESA”, ma che i veri reveal sono riservati ad eventi digitali separati e indipendenti, un po’ come è successo l’anno scorso.