Nella giornata di ieri abbiamo riportato che Valve ha deciso di bannare da Steam tutti i giochi che, in qualche modo, utilizzano la tecnologia della blockchain o consentono lo scambio di NFT e criptovalute. Ebbene, Epic Games ha scelto invece di seguire un’altra direzione, quella opposta.

Come annunciato dal CEO Tim Sweeney prima tramite The Verge e poi su Twitter, Epic Games Storedarà il benvenuto ai giochi che utilizzano la tecnologia della blockchain“. A detta di Sweeney questi titoli dovranno “seguire le leggi pertinenti, rivelare i loro termini ed essere classificati per età da un gruppo appropriato”.

“Anche se Epic non usa criptovalute nei suoi giochi, diamo il benvenuto all’innovazione nelle aree della tecnologia e della finanza,” ha dichiarato Sweeney. Secondo The Verge, inoltre, gli sviluppatori non potranno utilizzare il sistema di pagamento di Epic per accettare le criptovalute, ma altri sistemi esterni.

In un tweet successivo Sweeney ha detto che “come tecnologia, la blockchain è solo un database transazionale distribuito con un modello di business decentralizzato che incentiva gli investimenti in hardware per espanderne la capacità”.

Curiosamente Sweeney non menziona le criptovalute o gli NFT in questi due tweet. In precedenza il CEO di Epic Games aveva detto che Epic non sta toccando gli NFT poiché “l’intero campo è attualmente intricato tra un mix intrattabile di truffe, interessanti fondazioni tecnologiche decentralizzate e altre truffe”.