Parlando alla Radio Mog Station di Square Enix (via Reddit), Naoki Yoshida, director di Final Fantasy 14, ha chiesto alla community di essere gentili quando si offre del feedback sul gioco.

A causa delle lunghe code di accesso legate al lancio dell’espansione Endwalker, i commenti negativi e molto critici non sono mancati. Il team di sviluppo più volte si è scusato per tutti i problemi, ma ancora oggi ci sono delle lamentele a volte notevoli. Per questo motivo, Yoshida ha voluto lanciare un appello all’affezionata community di Final Fantasy 14.

“Dopo 11 anni di viaggio con i giocatori penso che il linguaggio usato sia un po’ eccessivo a volte”, ha detto Yoshida. “Voglio dire, posso accettarlo, anche se non lo rende meno sbagliato. I membri dello staff, però, si sentono dispiaciuti dopo aver ricevuto quelle parole quando hanno dato il loro meglio assoluto nel cercare di creare qualcosa in cui tutti possano divertirsi. Questo potrebbe portarli a non farli più creare cose che siano divertenti.”

Final_Fantasy_14_Endwalker_FanFestival_27

“Quindi ho solo una richiesta a [tutti] i giocatori – per favore, immaginate di parlare faccia a faccia con uno sviluppatore di cui potreste non conoscere né il nome né la faccia e immaginate come si sentirebbe prima di inviare il vostro feedback. Sarei molto felice se poteste farlo educatamente,” ha continuato.

L’impatto sugli sviluppatori sarebbe notevole secondo il director, un qualcosa che spesso non viene considerato al momento dell’invio del feedback. “Questo prosciugherà completamente la loro motivazione e peggio ancora, finiranno per abbandonare il loro lavoro, ed è per questo che spero che tutti possano capire”, ha detto Yoshida. “Gli errori sono errori, naturalmente, e dovrebbero essere notificati, ma apprezzerò che tutti possano riflettere attentamente sui loro pensieri e feedback prima di inviarli”.

Recentemente Yoshida ha rivelato che a febbraio ci parlerà della futura storia del gioco, probabilmente prima di svelare di più sulla prossima espansione di Final Fantasy 14.