Endwalker, l’ultima espansione di Final Fantasy 14, è arrivata ad inizio dicembre, e da subito moltissimi giocatori hanno provato ad entrare nei loro mondi. Si sono formate lunghissime code, e i server si sono sovraccaricati. Più volte Square Enix ha tentato di risolvere il problema senza successo, ma il mese scorso ha preso una decisione estrema: sospendere le vendite del gioco.

Ora, qualche settimana dopo, Naoki Yoshida, director dell’MMORPG, ha annunciato che il 25 gennaio Final Fantasy 14 tornerà in vendita e sarà nuovamente acquistabile. Yoshida ha chiarito che le vendite potrebbero essere sospese nuovamente, augurandosi però che non accada.

“Nel caso in cui i server continuassero a registrare livelli estremi di congestione, potremmo considerare di sospendere nuovamente le vendite digitali. Siamo consapevoli che alcuni mondi registrano un traffico elevato nelle ore di punta e, sebbene alcuni possano considerare prematura questa decisione di riprendere le vendite, chiediamo la vostra comprensione in merito,” ha dichiarato.

Yoshida ha anche detto che Square Enix aprirà il 25 gennaio un nuovo data center in Oceania con cinque mondi separati. Il 26 gennaio riprenderà a funzionare il servizio Home World Transfer, che consente ai giocatori di spostarsi in un mondo diverso.

Confermate inoltre espansioni dei data center giapponesi, americani ed europei. Parlando degli ultimi due, la fase di ampliamento sarà suddivisa in due fasi: la prima nell’estate 2022 e la seconda nell’estate 2023. Al momento non abbiamo altri dettagli.

Final Fantasy 14 è disponibile su PC, PS4 e PS5. Yoshida, impegnato sulla prossima storia del gioco, ha chiesto alla community di fornire feedback in modo più “gentile”.