In una nuova intervista rilasciata al canale YouTube Kaptain Kuba assieme a Eric Williams, Cory Barlog, director di God of War, ha rivelato perché la storia norrena di Kratos si concluderà con God of War Ragnarok.

A detta di Barlog ci vorrebbe troppo tempo per creare una trilogia di giochi, e Sony Santa Monica non vuole fare aspettare ai fan quindici anni per sapere come andrà a fine la storia.

“Penso che una delle ragioni più importanti sia che il primo gioco ha richiesto cinque anni, il secondo gioco… non so quanto tempo ci vorrà, ma mi limito a dire che ci vorrà un tempo simile per fare questo. E poi se si pensa, ‘wow un terzo [capitolo] nello stesso [lasso di tempo]’, stiamo parlando di un periodo di quasi 15 anni per una singola storia e mi sembra che sia troppo lungo,” ha detto Barlog.

“Sento che stiamo chiedendo troppo, dire che l’effettivo completamento di quella storia richiede così tanto tempo sembra troppo lungo. E dato il punto in cui si trovava il team e dove si trovava Erik con quello che voleva fare, mi sono detto: “Guarda, penso che possiamo davvero farlo nella seconda storia. Perché la maggior parte di ciò che stavamo cercando di fare fin dall’inizio era raccontare qualcosa su Kratos e Atreus, che il nucleo del motore della storia è davvero la relazione tra questi due personaggi e la complessità si irradia come increspature in uno stagno.”

“E potremmo renderlo un oceano e fare in modo che quelle increspature si estendano per migliaia di chilometri, ma è davvero così necessario e vantaggioso, o abbiamo la sensazione che si stia allargando troppo? A quel punto le increspature diventano troppo distanti e si perde un po’ la trama”.

God of War Ragnarok uscirà su PS4 e PS5 nel 2022.