Ulteriori dettagli sono venuti alla luce in questo ore dopo il recente leak della remastered di GoldenEye 007 per Xbox 360 cancellata diversi anni fa.

In una intervista al sito Ars Technica di qualche tempo fa (via Screen Rant), due ex sviluppatori del titolo presso Rare, Ross Bury e Mark Edmonds, hanno discusso dello sviluppo del gioco, svelando che i lavori erano iniziati verso la fine del 2006 o inizio 2007, e che inizialmente il progetto non era stato approvato dai loro superiori.

Edmonds ha spiegato che a un certo punto della fase di sviluppo, al team è stato detto che “tutti lo avevano approvato”, ottenendo quindi il via libera per proseguire i lavori e concluderli. Il team ha quindi continuato a lavorare pensando che non ci fossero problemi di diritti e qualcosa di “nascosto”. Tuttavia, poco prima che il gioco andasse in fase gold, con pochi bug da risolvere, agli sviluppatori è stato annunciato che il progetto era stato cancellato da qualche dirigente di Nintendo.

“Quando se ne era parlato con Nintendo, tutti lo hanno approvato”, ha detto Bury. “Ma non avevano parlato con colui che importava. Credo che mi sia stato detto che la sua risposta era sulla falsariga di ‘Non è possibile che un gioco Nintendo esca su una console Microsoft'”.

Sia Edmonds che Bury stimano che al momento in cui il gioco è stato cancellato, c’erano solo circa 90 bug nei test di QA, un numero relativamente piccolo che indicava che la remastered di GoldenEye 007 era quasi pronta per essere rilasciata per Xbox 360.