Team Cherry ha di recente condiviso nuovi dettagli riguardanti Hollow Knight: Silksong, il sequel del titolo rilasciato nel 2017 su PC e sulle console l’anno successivo.

Per prima cosa, in Silksong sarà presente un’area totalmente nuova chiamata Greymoor che secondo il team stesso è una delle più grandi zone realizzate. È stata confermata la possibilità da parte della protagonista Hornet di curarsi come il Knight del prequel, ma ciò avverrà in un modo molto diverso: dopo aver raccolto la seta necessaria, si potrà utilizzare l’abilità chiamata “Hornet’s Bind” che permetterà una cura molto più rapida, arrivando a curare tre maschere alla volta, addirittura mentre ci si trova in aria. Se però l’abilità viene usata in questa circostanza, tutte le risorse di seta a disposizione saranno consumate.

Hollow Knight Silksong immagine 1

Nel titolo originale, il Knight alla morte rilasciava un’ombra: in Silksong, invece, Hornet lascerà un bozzolo. Questo bozzolo conterrà un’intera scorta di seta, ed è quindi consigliato romperlo solamente in caso di necessità. Il sistema delle mappe sarà quasi identico rispetto all’originale, ma questa volta le cartine, bussole e altri strumenti saranno forniti da un NPC amichevole chiamato Shakra.

Team Cherry ha svelato che Hornet potrà parlare, e “anche se non è un tipo che parla a lungo, non avrà paura di avviare una conversazione dove necessario”.

Per quanto riguarda la data di uscita, gli sviluppatori mantengono il massimo riserbo, affermando che sarà annunciata solamente quando il titolo sarà pronto e la qualità e l’ampiezza corrisponderanno a quella di Hollow Knight.

 

Fonte: Nintendo Life