Nelle ultime settimane Ken Levine, il creatore della serie Bioshock, è stato protagonista di una polemica riguardante il suo metodo di lavoro all’interno di Ghost Story Games. Lo studio sta sviluppando un gioco non ancora annunciato che, secondo delle voci di corridoio, è ancora lontano poiché Levine continuerebbe a cambiare idea sul progetto.

In un’intervista rilasciata al podcast Arcade Attack, Levine ha scelto di discutere delle accuse che gli sono state rivolte, oltre che parlare di come è nato BioShock e non solo. Abbiamo infatti ottenuto qualche dettaglio sul gioco in sviluppo presso il suo studio.

“Non volevamo perseguire l’idea del mostrare [il gioco] troppo presto, e non voglio avere un lungo periodo di hype, interesse, e clamore,” ha detto.

“Finirebbe per sembrare abbastanza non autentico e penso che i giocatori vogliano… vogliono sapere cosa stanno ottenendo, e l’unico modo per farlo è davvero annunciare il progetto più vicino al lancio.”

Levine ha anche affermato che saremo “sorpresi, ma non sorpresi da ciò che vedremo” al momento dell’annuncio del gioco. Infine Levine ha dichiarato di non essere coinvolto nel nuovo gioco di Bioshock, dicendo di non voler mai essere parzialmente coinvolto nello sviluppo di un progetto.