GamingTalker è alla ricerca di collaboratori, per saperne di più visita questa pagina!

Doom Eternal è uno dei più importanti titoli rilasciati nel corso di quest’anno: rilasciato il 20 marzo, l’ultimo lavoro di id Software ha ottenuto delle ottime valutazioni sia dalla critica (come è possibile vedere nella nostra recensione) che dai giocatori. Il titolo, però, doveva inizialmente uscire a novembre 2019, ma venne rinviato per “assicurare un alto livello di qualità”.

In una nuova intervista a USGamer, Pete Hines, senior vice president of global marketing and communications di Bethesda, ha spiegato perchè Doom Eternal è stato rinviato e soprattutto perchè ne è valsa la pena, così come l’espansione Wastelanders di Fallout 76 che ha subito lo stesso trattamento.

Stando alle sue parole, Doom Eternal venne rinviato per evitare di fare gli stessi errori di Fallout 76 al lancio: il titolo, infatti, venne molto criticato per la sua qualità e problemi tecnici poi risolti successivamente con delle patch.

“Abbiamo detto, ‘Questo [Doom Eternal] non è pronto, e non dobbiamo fare un altro errore’,” ha spiegato. “‘Ci prenderemo il tempo necessario anche se avrà un impatto e salteremo le festività natalizie [del 2019]”.

Tuttavia, Hines pensa che ne sia valsa assolutamente la pena anche se le vendite sono state inferiori del previsto proprio perchè non è stato rilasciato sotto Natale. “Doom Eternal è andato molto meglio, e la risposta a Wastelanders è stata decisamente migliore per il tempo extra che ci siamo presi,” ha detto.

Doom Eternal è disponibile su PC, PS4, Xbox One e Google Stadia, e uscirà anche su Nintendo Switch in una data ancora non rivelata.

Fonte: USGamer Podcast | Via: GameSpot