Monolith Soft, studio meglio noto per la serie di Xenoblade Chronicles, è diventato una risorsa molto importante per Nintendo. Oltre ad occuparsi dello sviluppo di una popolare serie RPG, infatti, supporta la casa di Kyoto in altri progetti, come ad esempio Zelda Breath of the Wild e Animal Crossing New Horizons.

Come riportato dall’autorevole sito GameBiz, grazie all’uscita di Xenoblade Chronicles: Definitive Edition lo scorso maggio, Monolith Soft ha visto nell’ultimo anno fiscale (terminato nel marzo 2021) un balzo dei profitti del 138.2%, con 1.171 miliardi di yen incassati.

Come si può vedere nell’immagine qui sotto, questo numero è il profitto più alto registrato dall’azienda negli ultimi anni. Durante il precedente anno fiscale, Monolith Soft ha realizzato un profitto di “soli” 491 milioni di yen, meno della metà di quello dell’ultimo anno fiscale.

All’inizio di quest’anno in Super Smash Bros. Ultimate sono arrivate Pyra e Mythra di Xenoblade Chronicles 2 come personaggi DLC. Questo ha molto probabilmente aumentato l’interesse per la serie di Xenoblade Chronicles, che in futuro potrebbe espandersi ancora.

Parlando di piani per il futuro Monolith Soft è alla ricerca di nuovi impiegati, e più di 40 annunci di lavoro sono stati aperti ad aprile. Alcune posizioni fanno riferimento alla serie di The Legend of Zelda, questo perché, probabilmente, la compagnia è impegnata nello sviluppo di The Legend of Zelda: Breath of the Wild 2 assieme a Nintendo.