NieR Automata e The Evil Within sono arrivati su Xbox Game Pass per PC il mese scorso, e sin da subito la rete è scoppiata. Alcuni utenti avevano notato degli apparenti miglioramenti che avevano portato a pensare che il gioco di Square Enix (ma anche quello di Tango Gameworks) sul servizio fosse migliore della versione su Steam. Ma Digital Foundry ha scelto di indagare sulla questione… e sembra non essere affatto così.

Le nuove versioni per Game Pass di NieR: Automata e The Evil Within hanno ancora molti dei vecchi problemi, dice Digital Foundry in un nuovo video, e per certi versi sono peggiori delle loro controparti su Steam. Nel filmato, Digital Foundry ha scelto di analizzare per primo The Evil Within: ad un certo punto, il team ha detto di aver notato che il gioco stava girando a 60 FPS, anche se in realtà erano 40 FPS. Reinstallare il gioco e Windows non ha risolto il problema, che in qualche modo è andato a finire anche sulla versione Steam del gioco. Bizzarro, vero?

Parlando di NieR Automata, il modder Kaldaien, noto per la sua mod FAR che ha risolto molti problemi della versione Steam, ha detto che “la maggior parte di ciò che doveva essere sistemato nella versione Steam deve ancora essere sistemato nella versione Microsoft Store. Alcune cose sono diventate più difficili da sistemare. Si potrebbe pensare che un bump da 900p di risoluzione hardcoded post-processing a 1080p sia un miglioramento marginale, ma sono riusciti ad aumentare la risoluzione mentre contemporaneamente diminuiscono la qualità (ugh)”.

I problemi sono stati confermati da Digital Foundry, che conclude in maniera implicita che, alla fine, forse giocare a NieR Automata e The Evil Within da Steam non cambia molto.