Tramite un post pubblicato sul sito dedicato agli sviluppatori, Facebook ha annunciato l’arrivo nelle prossime settimane del supporto agli utenti multipli e alla condivisione di applicazioni nell’Oculus Quest 2, due funzionalità attese da diverso tempo.

Inizialmente queste funzionalità saranno lanciate in fase sperimentale sul Quest 2 e saranno poi rilasciate a tutti con il passare del tempo. Secondo quanto riportato dalla compagnia americana, il possessore di un account, che viene ora usato come il principale, può aggiungere fino a tre utenti secondari. A loro, successivamente, potranno essere condivise le applicazioni, ma con qualche limitazione. Facebook svela inoltra che in futuro sarà possibile condividere i propri acquisti in tre dispositivi diversi.

oculus-quest-2-facebook-leak

Per utilizzare queste due novità, spiega Facebook, il possessore dell’account principale e gli account secondari devono accedere al dispositivo condiviso utilizzando i propri account Facebook. I possessori di account secondari possono avviare solo le app condivise del proprietario principale sul dispositivo condiviso, e in caso di acquisto di un dispositivo separato non potranno accedere a quelle applicazioni, ma solo alle loro. Chi ha un account secondario, inoltre, potrà comprare le sue applicazioni sul dispositivo condiviso, ma non potrà condividerle con l’account primario o altri profili secondari.

Infine, un utente Oculus che abilita la condivisione delle app può accedere a più dispositivi contemporaneamente ma non può eseguire la stessa app con il proprio account su più di un dispositivo alla volta. Account diversi possono eseguire contemporaneamente l’app condivisa, fatta salva la limitazione del dispositivo sopra menzionata.

Non saranno dunque utenti multipli “standalone”, ma ci sarà una gerarchia di account principali e account secondari che porteranno alcune limitazioni nella condivisione di applicazioni. Sottolineiamo, infine, che i progressi e gli obiettivi dei giochi verranno personalizzati e salvati separatamente per ogni account.

Fonte: Facebook