Con una nota pubblicata sul sito di supporto ufficiale, Sony ha annunciato che a partire dal 27 ottobre non sarà più possibile utilizzare una carta di credito o di debito oppure un metodo di pagamento come PayPal per acquistare contenuti digitali o aggiungere fondi al portafoglio sul PlayStation Store di PS3 o PS Vita.

L’unico modo per acquistare giochi o DLC per PS3 o PS Vita richiederà l’utilizzo di un dispositivo moderno. Bisognerà infatti aggiungere fondi al portafoglio riscattando una carta regalo, utilizzando una carta di credito o di debito, PayPal o altri metodi di pagamento tramite computer desktop, dispositivo mobile, console PS4 o PS5. Sony conferma che sarà ancora possibile acquistare contenuti tramite i negozi in-game, ma che dovranno comunque essere utilizzati i fondi del portafoglio. Le carte regalo, infine, continueranno a funzionare come previsto.

Questo cambiamento sarà valido per tutte le regioni, ma gli utenti giapponesi saranno impattati in maniera più notevole. In Giappone i giochi classificati CERO Z (adatti dai 18 anni in su) possono essere acquistati su piattaforme digitali solo tramite carta di credito, questo per verificare l’età dell’acquirente. La versione giapponese della pagina di supporto conferma che, a causa di questo limite, gli utenti non saranno in grado di acquistare giochi CERO Z.

Questo è un altro passo verso la fine del supporto per i servizi di Sony più vecchi. All’inizio dell’anno aveva annunciato che avrebbe chiuso i negozi di PS3, PS Vita e PSP, ma a causa della reazione negativa da parte della community si è deciso di tenere aperti i primi due.