VGC ha pubblicato negli scorsi minuti un nuovo report riguardante Resident Evil 4 Remake, titolo non ancora annunciato ma che sarebbe in sviluppo, e un cambiamento di rotta all’affidamento dei lavori da parte di Capcom.

Secondo quanto riportato, lo studio M-Two ha visto il suo ruolo significativamente ridotto nel progetto, e per problemi relativi a disaccordi sulla direzione, la Divisione 1 di Capcom ora guiderebbe lo sviluppo del gioco. Il remake di Resident Evil 4 sarebbe in lavorazione dal 2018, con M-Two a capo del titolo, ma questo sarebbe dunque cambiato.

Diverse fonti di VGC hanno indicato però che, dopo una revisione del progetto lo scorso anno, è stato deciso che il ruolo di M-Two sarebbe stato ridotto notevolmente, e dovrebbe essere proprio quello che sarebbe successo. Si ritiene che i disaccordi che hanno portato alla riduzione del ruolo di M-Two abbiano coinvolto il desiderio dello studio di attenersi fedelmente al modello dell’originale Resident Evil 4, in parte influenzato dal contraccolpo al remake di Resident Evil 3, che ha lasciato diversi fan delusi.

Capcom vorrebbe però una direzione ispirata sì al gioco originale, ma con delle sue novità, come elementi della storia e ambientazioni non presenti in Resident Evil 4, in modo simile al remake di Resident Evil 2 e all’uso di Mr. X. Infine, il progetto avrebbe subito una sorta di reboot, e per questo la sua uscita sarebbe fissata per il 2023.

Resident Evil 4 Remake sarebbe in sviluppo presso Capcom.

Fonte: VGC