Come riportato da Polygon, la designer Judy A. Juracek ha aperto una causa in cui accusa Capcom di aver rubato delle sue fotografie per utilizzarle nello sviluppo di giochi di Resident Evil e Devil May Cry.

Stando a Juracek, Capcom avrebbe ampiamente utilizzato foto protette da copyright senza licenza nei suoi giochi per creare ambienti, dettagli e persino il logo di Resident Evil 4. In particolare, la designer accusa la compagnia giapponese di aver usato delle fotografie presenti nel suo libro Surfaces, che contiene 1.200 fotografie di texture. Stando alla descrizione ufficiale, il libro è destinato ad artisti, architetti e designer per “ricerca visiva”.

Ad esempio, Juracek accusa Capcom di aver utilizzato una texture di vetro scattata in Italia per la creazione del logo di Resident Evil 4.

resident-evil-4-logo-Juracek-capcom

Inoltre, Juracek sostiene che Capcom abbia usato una foto scattata in una villa a Newport, Rhode Island, per creare una porta di Resident Evil 4. “Il pubblico non ha accesso o permesso di fotografare l’interno della villa”, si legge nella causa. “Non è possibile che Capcom abbia avuto accesso alla villa per fotografare tali immagini”.

resident-evil-4-porta-Juracek-capcom

Come prova Juracek usa il data breach di Capcom del 2020, da cui sarebbero trapelate immagini ad alta risoluzione di artwork utilizzati in Resident Evil e altri giochi. Gli avvocati di Juracek sostengono che i nomi dei file di “almeno una delle immagini leakate sono gli stessi utilizzati sul CD-ROM di [Surfaces]”. Nella causa si può anche leggere che “una texture metallica etichettata ME009 nel CD-ROM di Surfaces è chiamata allo stesso modo nelle cartelle di Capcom”.

Gli avvocati di Juracek chiedono 12 milioni di dollari di risarcimento per violazione del copyright. Inoltre, la designer chiede risarcimenti per “falsa gestione del copyright e rimozione della gestione del copyright”.