Durante il Summer Game Fest, Raw Fury e Lunar Software hanno mostrato a sorpresa un re-reveal trailer di Routine. Il titolo, inizialmente annunciato dieci anni fa, uscirà ora su PC, Xbox One e Xbox Series X/S.

Routine è un titolo horror di fantascienza in prima persona ambientato su una base lunare abbandonata, progettato attorno a una visione del futuro degli anni ’80. L’esplorazione curiosa si trasforma in una necessità di sopravvivenza quando una base lunare diventa completamente silenziosa. La ricerca di risposte ci mette di fronte a un nemico che è certo che la minaccia principale siamo noi. Le scoperte portano a incognite più profonde e l’unica strada da percorrere è quella dell’avanzamento.

“Abbiamo essenzialmente riavviato la produzione del gioco. Quello che condividiamo oggi è un filmato di gioco di ROUTINE. Perché abbiamo preso la difficile decisione di ricominciare? Quando ci stavamo avvicinando a quella che credevamo essere la fine dello sviluppo, stavamo trovando sempre più cose che non ci soddisfacevano e che influivano negativamente sull’esperienza di gioco. A quel punto avevamo lavorato al progetto per cinque anni e non potevamo semplicemente rilasciarlo così com’era,” ha detto Lunar Software.

“Stavamo sopravvivendo con un budget estremamente ridotto. Lo stress finanziario ha iniziato a pesare su di noi, soprattutto quando abbiamo capito che dovevamo lavorare più a lungo. A questo punto ROUTINE è diventato un progetto part-time, poiché abbiamo dovuto dedicarci ad altri lavori/progetti per rimanere a galla. Siamo passati dall’avere una data di uscita a non sapere nemmeno quando avremmo potuto pubblicarlo. È stato un duro colpo per noi, perché abbiamo deluso noi stessi, i nostri amici e la nostra famiglia, nonché tutti i nostri sostenitori e fan.”

“Eravamo in difficoltà e non sapevamo come affrontarlo o come risolverlo. In quel momento volevamo solo chiedere scusa. Ma non sapevamo come iniziare a farlo senza dare una sorta di finestra di lancio. Non ci aspettavamo che ci volesse così tanto tempo e, per coloro che hanno aspettato pazientemente, siamo davvero dispiaciuti.”

“Ci è voluto un po’ di tempo per capire come portare a termine il progetto e come offrire l’esperienza che ci eravamo prefissati, ma quando si è aperta una linea di comunicazione con Raw Fury, abbiamo capito di aver trovato un partner in grado di supportarci in tutte le aree in cui prima avevamo difficoltà,” conclude il team.