Nonostante la sua popolarità e il recente ottenimento di un finanziamento da 100 milioni di dollari, c’è ancora molto da fare per lo sparatutto in stile Halo e Portal Splitgate.

In una nuova intervista rilasciata al sito TechCrunch, Ian Proulx, il creatore di Splitgate, ha spiegato che cosa vuole fare lo studio col gioco in futuro dopo essere arrivato nel mainstream.

“La portata di ciò che possiamo fare ora è alle stelle”, spiega Proulx. “Ci sono così tante cose a cui non potevamo pensare perché eravamo una squadra piccola con un budget limitato, ma ora è tutto sul tavolo. Ci stiamo concentrando sul lungo termine: vedo il gioco come finito al 25%. Non abbiamo bisogno di essere Fortnite domani, ma ora si tratta davvero di costruire i prossimi Riot Games, il prossimo grande business dei giochi”.

Parlando di ciò che possiamo aspettarci per il futuro, Proulx ha affermato che skin, personaggi e mappe verranno aggiunti frequentemente al gioco. 1047 Games intende inoltre assumere molti altri dipendenti con l’obiettivo di reclutare più game designer in modo che Splitgate possa avere più modalità di gioco in futuro.

“Nessuno ha spostato la punta della bilancia perché non c’è stata molta innovazione e non c’è stato qualcosa che fosse accessibile alle masse”, osserva Proulx. “Quake Arena è fantastico, ma è estremamente difficile. Nessun ragazzino di Fortnite di 12 anni ci giocherà. Riempiamo davvero questo vuoto”.

Con 13 milioni di download in tutto il mondo, Splitgate è disponibile su PC, PS4 e Xbox One.