Al momento dell’annuncio del cast del film animato di Super Mario, molti sono rimasti sorpresi nel vedere che l’idraulico di origini italiane sarà doppiato non da Charles Martinet, ma dalla star di Hollywood Chris Pratt.

Diverse persone hanno iniziato a chiedersi come sarà Mario interpretato da Pratt, anche se Chris Meledandri, CEO di Illumination e co-produttore della pellicola, ha difeso la scelta del casting. E parlando in una nuova intervista rilasciata a Variety, Meledandri ha ulteriormente riaffermato la sua opinione, rivelando inoltre che il film è finito al 75%.

“Chris è stato scelto perché pensavamo che potesse dare una grande interpretazione di Mario. E ora che abbiamo fatto circa 15 sessioni di registrazione, e il film è per tre quarti finito, mi siedo qui e dico che adoro la sua interpretazione di Mario”, ha detto Meledandri. Ha aggiunto che, avendo “origini italoamericane, ha potuto prendere questa decisione senza preoccuparsi di offendere gli italiani o gli italoamericani”. “Penso che ce la caveremo benissimo. Soprattutto perché (Pratt) ha recitato molto bene”.

Ad aprile Nintendo ha annunciato un rinvio della data di uscita del film, che ora arriverà in America nel 2023. Oltre a Chris Pratt, il cast del film includerà Charlie Day (Pacific Rim) nel ruolo di Luigi, Anya Taylor-Joy (The Queen’s Gambit) nel ruolo della Principessa Peach, Jack Black (School of Rock) nel ruolo di Bowser, Keegan-Michael Key (Toy Story 4) nel ruolo di Toad e Seth Rogan (Pineapple Express) nel ruolo di Donkey Kong.