In una nuova intervista rilasciata al sito russo TASS, il CEO di PlayStation, Jim Ryan, ha affermato che, come tutti noi, non vede l’ora di sapere se i prossimi due attesi giochi di casa Bethesda, The Elder Scrolls 6 e Starfield, saranno disponibili anche su PS5 in seguito all’acquisizione di ZeniMax da parte di Microsoft.

Nella discussione con l’agenzia di stampa russa, a Ryan è stato chiesto come si sentiva riguardo all’acquisizione di questo grande numero di studi (Xbox Game Studios passerà da 15 a 23 team di sviluppo una volta arrivati al completamento dell’acquisizione nel 2021) e se i giocatori di PS5 non avrebbero potuto giocare a The Elder Scrolls 6 o Starfield.

“Questa è una decisione che è fuori dal nostro controllo, aspetteremo e vedremo cosa accadrà, ha risposto. Non vedo l’ora di saperne di più. Abbiamo solo un approccio diverso. La nostra enfasi è stata quella di concentrarci su una crescita organica davvero costante, lenta ma costante dei nostri studi, selettivamente sostenuta dalle acquisizioni.”

“Rispettiamo i passi compiuti dalla nostra concorrenza, sembrano logici e sensati”, ha aggiunto. “Ma siamo ugualmente felici e fiduciosi, abbiamo una lineup di lancio migliore di quella che abbiamo mai avuto in nessuno dei lanci della nostra console.”

Sembra dunque che, nel caso in cui non dovesse succedere, Ryan sia pronto a continuare a far sfornare grandi esclusive ai propri studi dei Worldwide Studios per rendere la generazione di PS5 ancora più grande ed interessante.

Fonte: TASS