GamingTalker è alla ricerca di collaboratori per le notizie, per saperne di più visita questa pagina!

Come abbiamo potuto comprendere solo due giorni fa, Naughty Dog e Sony hanno preso la difficile decisione di rinviare a data da destinarsi The Last of Us Parte 2 a causa della pandemia di nuovo Coronavirus (COVID-19). Nonostante ciò, nella nuova puntata del podcast PlayStation Blogcast, Neil Druckmann di Naughty Dog ha avuto l’opportunità di parlare di diversi argomenti riguardanti il gioco.

Partendo da quello forse più atteso, ovvero la demo, il direttore creativo dello studio americano ha dichiarato che molto probabilmente una versione di prova giocabile da tutti non arriverà mai. Stando alle sue parole, rilasciare una demo alla stampa, come avvenuto nel mese di settembre, e una al grande pubblico è molto diverso.

“Si tratta di un’enorme mole di lavoro che non vogliamo aggiungere agli sforzi del nostro team,” ha detto Druckmann. “Preferiamo concentrarci sul completare il vero e proprio gioco. La demo per la stampa è molto vecchia se comparata allo stadio di sviluppo attuale, e rilasciarla al pubblico non rappresenterebbe il titolo finale.”

Parlando dello sviluppo, Druckmann ha rivelato che tutta Naughty Dog è attualmente in fase di smart working, uno stile di lavoro mai attuato in precedenza dallo studio, e che se necessario gli sviluppatori possono prendersi dei giorni di pausa per stare vicino, ad esempio, ai propri figli che devono rimanere a casa e che non possono frequentare l’ambiente scolastico.

La conclusione dei lavori sembra inoltre essere piuttosto vicina: Druckmann ha dichiarato che il team si trova in una fase di ricerca dei bug e di rifinitura di alcuni elementi, e che Naughty Dog sta facendo del suo meglio per fare in modo che il gioco finale sia al livello di qualità desiderato.

Per quanto riguarda l’uscita che potrebbe avvenire solo in digitale, invece, Druckmann ha detto che sia lo studio che Sony stanno prendendo in considerazione diverse strade, ma sembra che internamente ci sia la volontà di garantire una pubblicazione “giusta” che non vada a penalizzare in alcun modo tutti coloro che desiderano acquistare il gioco, ed è proprio per questo che il rinvio si è dimostrato essere necessario.

The Last of Us Parte 2 è in sviluppo per PlayStation 4. Intanto, avete visto le nuove immagini pubblicate dallo studio?

Fonte: PlayStation