Sappiamo molto bene che, spesso, Nintendo non lavora direttamente sui suoi giochi. Ed è il caso anche di The Legend of Zelda: Skyward Sword HD, che è stato portato su Nintendo Switch da Wii da Tantalus.

Questo team australiano, infatti, è presente nei crediti della versione per la console ibrida del gioco del 2011. E per chi non lo sapesse, Tantalus si è occupato della riedizione di The Legend of Zelda: Twilight Princess HD per Wii U.

Tantalus si è costruito una reputazione come uno dei principali studi di porting nell’industria videoludica, avendo recentemente lavorato alle edizioni definitive di Age of Empires II e III, così come alle versioni per Nintendo Switch di Rime, Sonic Mania e altro. C’è una forte possibilità, però, che Nintendo abbia lavorato notevolmente a questo gioco. Tom Crago, CEO di Tantalus, aveva spiegato in un’intervista che la casa di Kyoto era “pesantemente coinvolta” nello sviluppo di The Legend of Zelda: Twilight Princess HD.

“[Erano] molto, molto coinvolti. Aonuma-san stesso, ovviamente, firma tutto – è il suo gioco. A tutti i livelli era onnipresente. E poi un team di persone a Kyoto dedicato al gioco, quindi conversazioni quotidiane, chiamate molto regolari, un po’ di avanti e indietro tra noi qui a Melbourne e Nintendo a Kyoto, e costruzioni e rapporti regolari, e tutte queste cose. Quindi sì, assolutamente, sono stati estremamente partecipi,” ha detto.

Cosa ne pensate?