Aggiornamento: Twitch ha confermato il leak, affermando che aggiornerà la community con nuove informazioni non appena disponibili. “Possiamo confermare che c’è stata una violazione. I nostri team stanno lavorando con urgenza per capirne la portata. Aggiorneremo la community non appena saranno disponibili ulteriori informazioni. Grazie per il supporto,” ha scritto su Twitter.

Notizia originale: Tutti i dati di Twitch, dal codice sorgente ad alcuni documenti riservati come le paghe degli streamer, sarebbero stati leakati in rete. A rivelare per primo la notizia (poi ripresa da VGC) è l’utente Twitter @Sinoc229, che afferma che “Twitch è stato leakato. L’intero sito, il codice sorgente con commenti e versioni console, riferimenti ad un competitor di Steam non annunciato, paghe e altro ancora”.

Il leak proviene da 4Chan, dove è stato pubblicato quest’oggi il link di un torrent da 125GB chiamato “Twitch Leaks Part One”. Possiamo confermare che il torrent è disponibile pubblicamente assieme alla lista delle paghe degli streamer, mentre una fonte di VGC dichiara che i dati sono autentici. Questo leak avrebbe lo scopo di “favorire più scompigli e concorrenza nello spazio del video streaming online” perché “la loro community è una fogna tossica e disgustosa”. Twitch sarebbe a conoscenza del leak, e i dati sarebbero aggiornati solo a questo lunedì.

Tra i dati leakati di Twitch ci sarebbero:

  • L’intero codice sorgente di Twitch con la cronologia dei commenti “che risale ai suoi inizi”
  • Rapporti sui pagamenti dei creatori dal 2019
  • Client Twitch mobile, desktop e console
  • SDK proprietari e servizi AWS interni utilizzati da Twitch
  • “Ogni altra proprietà che Twitch possiede” compresi IGDB e CurseForge
  • Un concorrente inedito di Steam, nome in codice Vapor, di Amazon Game Studios
  • Strumenti interni di ‘red teaming’ di Twitch (progettati per migliorare la sicurezza della piattaforma facendo fingere al personale di essere hacker)

Il torrent conterebbe le password criptate degli utenti: sebbene questo non significhi che i dati personali sono disponibili a tutti, consigliamo di cambiarla ed aggiungere l’autenticazione a due fattori al proprio account. Nel leak ci sarebbe anche il codice del motore grafico Unity per un gioco chiamato Vapeworld, che sembra essere un software di chat basato su Vapor, un concorrente di Steam mai annunciato e non ancora rilasciato.

L’anonimo leaker ha dichiarato che questa è solo la prima parte del leak, ma non ha rivelato che cosa ha intenzione di rilasciare in futuro.