A seguito delle accuse di violenza, molestie e maltrattamenti nei confronti di alcuni dipendenti di Ubisoft iniziate diversi mesi fa, il CEO dell’azienda Yves Guillemot ha parlato del problema in un nuovo video poco prima di Ubisoft Forward.

“Questa estate, abbiamo appreso che alcuni dipendenti non hanno sostenuto i valori della nostra azienda e che i nostri sistemi non sono riusciti a proteggere le vittime dal loro comportamento”, ha detto Guillemot nel video. Sono veramente dispiaciuto per tutti coloro che sono rimasti feriti. Abbiamo adottato misure significative per rimuovere o sanzionare tutti coloro che hanno violato i nostri valori e il nostro codice di condotta e ora stiamo lavorando per migliorare i nostri sistemi e processi”.

Guillemot ha aggiunto che Ubisoft sta lavorando per rendere l’azienda un luogo di lavoro più diversificato e inclusivo, compreso un ulteriore investimento di 1 milione di dollari nel suo programma di laurea nei prossimi cinque anni.

Oltre ad affrontare le accuse, che hanno portato alla rimozione o alle dimissioni di diversi dipendenti di alto profilo, Guillemot si è anche scusato per il contenuto di Tom Clancy’s Elite Squad che ha dipinto un gruppo simile a Black Lives Matter come terroristi che cercano di controllare i cittadini. Ubisoft sta anche facendo una donazione al Fondo per la difesa legale NAACP.

“Questo tipo di svista non può accadere”, ha detto. “Stiamo mettendo in atto misure di salvaguardia per prevenirlo in futuro”.

Cosa ne pensate?