Nei giorni scorsi avevamo riportato che Valve doveva andare incontro ad una nuova causa dopo la pubblica accusa da parte di SCUF della violazione di un brevetto per il Steam Controller. E a vincere è stata l’azienda di controller.

Un giudice ha infatti ordinato alla compagnia di Steam di pagare una multa di 4 milioni di dollari a SCUF, che si aggiudica la vittoria della causa. Secondo Law.com, i danni nel processo SCUF potrebbero aumentare ulteriormente dopo che i giurati hanno scoperto che Valve ha deliberatamente violato il brevetto di SCUF, pertanto c’è sempre la possibilità che qualcosa possa peggiorare.

“Valve sapeva che la sua condotta comportava un rischio irragionevole di violazione, ma ha semplicemente proceduto a violare comunque”, hanno affermato gli avvocati di SCUF, a cui è stato dato ragione.

Il caso è stato aperto dopo che lo Steam Controller venne presentato al CES 2014 e SCUF si accorse che alcune funzionalità erano state registrate in un suo brevetto del 2013. Ironburg Inventions, ora di proprietà di Corsair, aveva informato Valve che lo Steam Controller violava questo brevetto, ma a quanto pare la compagnia ha scelto di andare avanti lo stesso.

Fonte: Law.com