Come parte di un evento riservato ad alcuni membri della stampa (via Eurogamer), Phil Spencer, capo di Xbox, ha criticato la strategia di PlayStation sul lancio di esclusive PS4 su PC anni dopo la loro uscita originale.

“In tutto l’ecosistema Xbox stiamo raggiungendo centinaia di milioni di persone ogni mese, e il nostro mercato totale è destinato a crescere mentre altri sono relativamente statici,” ha detto Spencer.

“Man mano che l’ecosistema Xbox cresce sia nei contenuti che nella dimensione totale, diventa più prezioso sia per i giocatori che per i nostri partner. Così in questo momento, siamo l’unica piattaforma che pubblica giochi su console, PC e cloud contemporaneamente. Altri portano i giochi per console su PC anni dopo, non solo facendo comprare alla gente l’hardware in anticipo, ma poi facendoli pagare una seconda volta per giocare su PC. E, naturalmente, tutti i nostri giochi sono nel nostro servizio in abbonamento al day one anche multipiattaforma”.

Spencer non ha nominato esplicitamente Sony nel suo discorso, ma è chiaro di quale azienda stia parlando. La strategia PC di Microsoft è completamente diversa da quella di Sony. La casa di Redmond rilascia tutti i suoi titoli first-party su PC e Xbox al day one, così come su Xbox Game Pass.

Sony, d’altra parte, ha finora rilasciato solo una manciata dei suoi giochi PlayStation su PC, e anche anni dopo il loro lancio su console. L’ultimo esempio è Days Gone di Bend Studio, rilasciato su PC due anni dopo la versione PS4. Inoltre, Sony non lancia i suoi titoli first-party al day one su PlayStation Now, ma li aggiunge dopo.